MARTEDÌ DI PASQUA: I TALAMI DI ORSOGNA

MARTEDÌ DI PASQUA: I TALAMI DI ORSOGNA

Dopo la classica gita fuori porta del Lunedì di Pasqua non perdete l’occasione di assistere ad un’originale celebrazione che si tiene la mattina del martedì di Pasqua in provincia di Chieti.

Parliamo della Festa dei Talami di Orsogna, una sfilata di sette quadri biblici viventi che si tiene in questo periodo dell’anno, e la sera di Ferragosto.

Per le vie del paese si alternano sette palchi che ospitano attori giovani e meno giovani che in pose plastiche interpretano scene ispirate al Vecchio e al Nuovo Testamento.  

L’origine dei Talami di Orsogna

La nascita di questa tradizione si pensa possa risalire al Medioevo, ed è legata alla leggendaria apparizione della Madonna del Rifugio, o Madonna Nera, nell’area del Belvedere di Orsogna.

A seguito di questo miracolo, ogni anno i fedeli tra il lunedì e il martedì in Albis, si riunivano nella chiesa dedicata alla Madonna del Rifugio per vedere il volto della Vergine che mutava colore, da nero a bianco, o muoveva gli occhi.

Durante le lunghe attese notturne i devoti avevano iniziato a mettere in scena il quadro che sovrasta l’altare maggiore in cui vi è rappresentata la Madonna che copriva con il suo mantello azzurro quattro persone in preghiera.

Negli anni questa rappresentazione si spostò all’esterno della chiesa, e da questo primo originario talamo ne nacquero altri sei.

I Talami di Orsogna oggi

Oggi la messa in scena dei singoli talami risponde a un bando. Anno per anno  viene stabilito un tema per la scelta dello stile dei fondali dei sette quadri. Si tratta di un vero e proprio concorso che sceglie i sette bozzetti più meritevoli.

Solo uno dei talami viene ancora portato a mano come da tradizione, mentre gli altri sei sono trasportati meccanicamente su dei trattori.

Ogni anno la festa dei Talami di Orsogna si apre con i fuochi d’artificio alle 8 del mattino e a seguire c’è la sfilata in paese delle sette rappresentazioni accompagnata da canti della tradizione contadina.

A partecipare al corteo ci sono anche le canefore, le bambine in abito bianco con lemnishi e candele, e la Dama dei Talami.
Quest’ultima
indossa una copia dell’unico abito originale orsognese che risale a prima del 1909, custodito presso il Museo nazionale di arti e tradizioni popolari di Roma.

La sfilata è chiusa dal Carro dei doni e la Sarabanda.

Piatto tipico “Gnucune aristufite”

Una curiosità per gli appassionati di enogastronomia, non perdete li “gnuccune aristufite”, il piatto tipico della festa dei Talami di Orsogna:

rigatoni con ragù e molto formaggio pecorino o parmigiano, lasciati per diversi minuti in una grossa scodella ben coperta: “la vazzije”.

Quando ho partecipato  per la prima volta a questa manifestazione sono rimasta stupita dall’unicità e dalla grande maestria messa in campo per realizzare i sette talami.
E’ davvero qualcosa di eccezionale ed originale nel suo genere, non perdete l’occasione di scoprirla.

Chiara
Roma, Aprile 2019
Foto ©Nico Maceroni

Questo articolo fa parte del nostro dossier sulla Pasqua in Abruzzo, con interessanti articoli ed itinerari per trascorrere una Pasqua ricca di emozioni in Abruzzo. 
Li trovi cliccando il pulsante qui sotto:

Chiudi il menu